geniodonna.eu » Una invasione quasi extraterrestre

Una invasione quasi extraterrestre

Cover Venezia e le grandi navi

Cover Venezia e le grandi navi

Il libro ha accompagnato la mostra omonima che è stata esposta al Negozio Olivetti di Venezia dal 22 ottobre 2015 al 6 gennaio 2016

Venezia e le Grandi Navi, pubblicato da Contrasto, raccoglie le fotografie realizzate da Gianni Berengo Gardin nel bianco e nero rigoroso, sincero e perfetto di sempre, scattate dal fotografo tra il 2012 e il 2014. Immagini che testimoniano il quotidiano usurpante passaggio di mastodontiche navi da crociera nella laguna di Venezia.

Gianni Berengo Gardin, Bacino di San Marco, Punta della Dogana. Venezia

Gianni Berengo Gardin, Bacino di San Marco, Punta della Dogana. Venezia

Sono lunghi due volte Piazza San Marco e alti una volta e mezzo Palazzo Ducale: i nuovi “visitatori” di Venezia sono le grandi navi da crociera che passano lungo il Canale della Giudecca e nel Bacino San Marco, e irrompono a scombussolare, anche solo nel momento del loro transito, l’abituale scenario cittadino. Gianni Berengo Gardin ha seguito il percorso di queste grandi navi, ingombranti e voluminose, documentando il loro apparire e scomparire sull’orizzonte della laguna. Il libro è arricchito da un testo di Andrea Carandini, Presidente del FAI, da una riflessione di Vittorio Gregotti e da un intervento di Camilla Bianchini d’Alberigo.

Venezia e le Grandi Navi vuole offrire un contributo per riflettere su queste “imponenti presenze” che sconvolgono non solo la scala urbanistica e architettonica ma forse anche l’equilibrio della città lagunare, così bella e così fragile. Il libro, nato da una collaborazione con il FAI, è completato da una conversazione di Gianni Berengo Gardin con Alessandra Mammì: un modo per ricordare il suo lavoro di fotografo e l’intenso rapporto che da sempre lo lega alla sua Venezia.

Gianni Berengo Gardin, Davanti alle Zattere, nel Canale della Giudecca

Gianni Berengo Gardin, Davanti alle Zattere, nel Canale della Giudecca

Scagli la prima pietra chi non ha trovato affascinante, anche proprio perché terrificante, lo spettacolo dell’ingresso e del lento transito nel bacino di San Marco dei condomini-naviganti delle moderne navi da crociera, con l’estraneità minacciosa, la loro presenza, quasi extraterrestre, nel salto di scala oltre che nelle forme nei confronti dell’area centrale della città di Venezia e della nobile presenza della sua storia. Poi, subito, al di là di ogni danno, interviene il terrore che il minimo incidente possa trasformarsi in un disastro, senza riparazione, in una perdita definitiva di un bene culturale collettivo insostituibile.” Vittorio Gregotti

…………………………………..

Gianni Berengo Gardin è nato a Santa Margherita Ligure nel 1930. Dopo essersi trasferito a Milano si è dedicato principalmente alla fotografia di reportage, all’indagine sociale, alla documentazione di architettura e alla descrizione ambientale. Nel 1979 ha iniziato la collaborazione con Renzo Piano, per il quale documenta le fasi di realizzazione dei progetti architettonici. Nel 1995 ha vinto il Leica Oskar Barnack Award. È molto impegnato nella pubblicazione di libri (oltre 250) e nel settore delle mostre (oltre 200 individuali). Contrasto ha pubblicato di recente Il libro dei libri (2014) che raccoglie tutti i volumi realizzati dal maestro della fotografia (oltre 250) e Manicomi (2015). L’intera produzione e l’archivio di Gianni Berengo Gardin sono gestiti da Fondazione Forma per la Fotografia di Milano.

…………………………………..

Credits foto: © Gianni Berengo Gardin-Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

Formato: 19×21 – Confezione: cartonato – Fotografie: 40 in b/n – Pagine: 88 – Prezzo: 19 Euro

http://www.contrastobooks.com

http://www.contrasto.it

 

 

  • Il Carnet di GD

  • La Rinascente 100 anni di creatività d'impresa attraverso la grafica
    20 maggio - 24 settembre 2017

    M.a.x. museo via D. Alighieri, 6 Chiasso


    info@maxmuseo.ch
  • Patrocinio